Le migrazioni antiche e contemporanee: una mappa mediterranea

28 febbraio 2019. Interessante incontro oggi all’Auditorium del Liceo “le Filandiere”.

Alessandro Vanoli, storico medievista, saggista e versatile divulgatore culturale ha conversato con gli studenti in un incontro sul tema delle migrazioni.

Ben dodici le classi che hanno partecipato con interventi, letture e domande, frutto di un percorso di approfondimento che rientra nel progetto “Odissee”, patrocinato dall’Associazione Italiana di Cultura Classica di Pordenone (AICC).

Il Progetto prevede una serie di incontri e proiezioni cinematografiche sul tema delle migrazioni, in una prospettiva di confronto e riflessione tra antichità e contemporaneità. Nei mesi scorsi gli studenti hanno potuto approfondire la conoscenza del fenomeno nello studio della storia ma anche attraverso la visione di spettacoli teatrali e la lettura di articoli della stampa nazionale ed estera.

Alessandro Vanoli ha condotto gli studenti attraverso un viaggio geografico e storico alla scoperta delle motivazioni che inducono a migrare, nel passato e anche oggi.

Il Mediterraneo si configura come uno spazio geografico e culturale condiviso fin dall’antichità tra Europa, Asia e Africa, attraverso tre modalità: la navigazione, lo scambio di merci, lo spostamento delle persone.

Complesse sono le reti migratorie e altrettanto le realtà globali che le producono. Questo è il dato che ha consentito agli studenti di riflettere sulla complessità di tale fenomeno e sulla necessità di inquadrarlo in una dimensione globale e non strettamente eurocentrica.

 

Coordinamento: prof. G. Collaoni (Presidente dell’AICC), prof.ssa G. Bergamo

Docenti: proff. F. Colussi, A. Coviello, E. Marzotto, G. Tasca, M. Tesolin, M. P. Tramontin, D. Turchet

Classi coinvolte: 1A, 1C, 1D, 1H, 2A, 2B, 2G, 3B, 3C, 3D, 3F, 4G


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.